Lien 
vers le site de l'ENS
ÉCOLE NORMALE SUPÉRIEUREPARIS
Lien vers l'accueil
lancer la recherche

» Conférences d’après mars 2011 : nouveau site

1371

Colloque Daniel Arasse

< précédent | suivant >

Il dettaglio nella pittura veneziana del Cinquecento
Augusto Gentili (univ. Venise)

9 juin 2006

Negli anni della polemica e del disciplinamento, al pittore non bastano più il corredo della tradizione e il repertorio del mestiere: ha anche bisogno di una formidabile strumentazione retorica per comunicare l’intera complessità dei significati prescelti. Nasce così un linguaggio fondato soprattutto sull’invenzione di nuove metafore, col risultato di sensibili modifiche delle iconografie consolidate. Le nuove metafore nascono direttamente con l’immagine, generando dettagli inediti e significativi, segnali isolati o intrecciati che fundaziono come indicatori di percorso e chiariscono azioni, intenzioni e concetti. L’indagine sui dettagli attraversa i teleri veneziani di Jacopo Tintoretto nella chiesa della Madonna dell’Orto e quelli di Paolo Veronese nella chiesa di San Sebastiano.

Écouter
pictogrammeformat audio mp3 (haut débit) - ??? (erreur acces)

Écouter
pictogrammeformat audio mp3 - ??? (erreur acces)

- Visualiser
- Télécharger
pictogrammeformat quicktime mov, vidéo à la demande

Télécharger
pictogrammeformat mp4, vidéo à télécharger - 87.47 Mo

Télécharger
pictogrammeformat windows media video - 61.6 Mo

Augusto Gentili Augusto Gentili (univ. Venise)
Augusto Gentili, professore ordinario di Storia dell’arte moderna nell’Università Ce’Foscari di Venezia. Ha publicato libri su Tiziano, Lotto e Carpaccio, nonché un centinaio di saggi sull’intero arco della pittura veneziana del Quattro/Cinquecento, seguendo un taglio multidisciplinare di storia e iconologia contestuale. In questo momento lavora soprattutto su Tintoretto e Veronese. E’particolarmente interessato a problemi di teoria, metodologia e storia della storiografia artistica. Ha fondado, dirige e cura la rivista semestrale Venezia Cinquecento (1991).